Six easy steps to grow cannabis plants in 2022, (TerpyZ Magazine)
0 Commenti

Sei semplici passaggi per coltivare piante di cannabis nel 2022

introduzione 

La crescente consapevolezza degli effetti benefici della cannabis l'ha resa un prodotto di benessere mainstream. Ottenere un prodotto di canapa di qualità è un compito in salita. L'assenza di un quadro normativo induce gli utenti a indovinare la coerenza e la qualità dei prodotti a base di cannabis.

Diversi utenti vedono la coltivazione delle loro piante di cannabis come un modo alternativo per ottenere cime di qualità a prezzi accessibili. All'inizio potrebbe sembrare un compito complicato, ma non è così. Puoi coltivare le tue piante di cannabis seguendo sei semplici passaggi. Facciamo un salto in loro.

Step 1 - Scegliere i semi di cannabis

Che tu voglia coltivare Indica, Sativa, Ruderalis o ibrida, la decisione dovrebbe venire dalle tue scelte personali. Ricorda quali varietà ti sono piaciute di più in passato; o quali sforzi ti hanno dato un sollievo soddisfacente da un disturbo specifico. La considerazione di questi problemi potrebbe fornire un buon punto di partenza.

La prossima cosa che dovresti considerare sono le tue circostanze in crescita. Se hai poco spazio, probabilmente, coltivare piccole piante a maturazione rapida come le varietà autofiorenti può sfruttare al meglio il tuo spazio di coltivazione. D'altra parte, se hai un bel giardino grande, puoi considerare di coltivare uno o più mostri in terra o in vasi grandi.
Cannabis Seeds

Fase 2 - Comprensione dei fondamenti della cannabis

Comprendere i fondamenti della crescita come luce, media, aria fresca, acqua, temperatura, nutrienti e umidità sono fondamentali per raccogliere la resa della cannabis.

La luce appropriata è fondamentale per una sana vegetazione di marijuana. Usa i timer per assicurarti che le tue piante da interno ricevano 18 ore di illuminazione per un periodo di ventiquattro ore. I coltivatori all'aperto dovrebbero iniziare la coltivazione solo quando le loro piante possono ottenere più di 12 ore di esposizione al sole.

I coltivatori di marijuana possono scegliere terreno o substrati neutri come fibra di cocco, perlite, vermiculite come substrati di coltura. Le piante di cannabis indoor hanno bisogno di aria fresca in movimento per forza e scambio di gas. Le piante all'aperto non hanno problemi, ma la mancanza di aria fresca può causare parassiti, muffe e una crescita debole tra le piante da interno.

Mantenere un approvvigionamento idrico adeguato con un livello di pH adeguato è fondamentale per aiutare le tue piante di marijuana a prosperare e svolgere funzioni biologiche. Inoltre, è necessario prendersi cura della temperatura del proprio spazio di coltivazione per soddisfare le esigenze delle piante.

Una temperatura troppo alta o troppo bassa può rovinare il tuo sogno di ottenere un buon raccolto. Fornire alle tue piante di cannabis un terreno ricco di compost, organismi viventi, vitamine e minerali è essenziale per fornire cibo sufficiente per l'intero ciclo di vita.

Infine, il controllo dell'umidità è fondamentale dal seme al fiore per le piante da interno. L'umidità equilibrata aiuta a ottenere ambienti sani, privi di parassiti e muffe.

Passaggio 3: fase di germinazione

La germinazione dei semi di cannabis segna l'inizio della tua avventura nella coltivazione della marijuana. Seminare i semi direttamente nel tuo mezzo può impedirti di subire shock da trapianto. Dopo aver rotto la superficie, i cotiledoni perdono la buccia del seme e rivelano la prima serie di foglie. Le tue piantine sono tutte pronte per diventare un resinoso albero in miniatura da interno o un fiorente albero da esterno.

Fase 4 – Fase vegetativa

Durante la fase vegetativa, le piante di marijuana sviluppano steli e radici. Cominciano anche a germogliare le foglie. Le piante di cannabis hanno bisogno di un apporto sufficiente di azoto in questa fase. Le foglie precoci sostengono la crescita avviando il processo di fotosintesi. Le piante hanno iniziato a stabilizzarsi e devi esaminare attentamente i semi germinati tardivamente e le piantine rachitiche.

Passaggio 5: fase di fioritura

La fioritura o fioritura inizia quando iniziano a svilupparsi interessanti composizioni floreali e aromi. Le piante da esterno iniziano a fiorire quando passa l'estate e si avvicina l'autunno. Per le piante da interno, la fase di fioritura inizia modificando un programma di illuminazione in un fotoperiodo di dodici ore al giorno e dodici ore alla notte.

Le varietà autofiorenti iniziano a fiorire dopo aver raggiunto una certa età specifica per specie. Queste varietà sono indipendenti dalla luce e più facili da coltivare, in particolare per i nuovi coltivatori.

Passaggio -6 Raccolta, essiccazione e stagionatura

Infine, i tricomi ricoprono le piante e i pistilli si avvizziscono e cambiano colore. Indica che la tua cannabis è diventata matura. I sacchi di resina rigonfi cambiano colore da chiaro latteo ad ambrato latteo. I grappoli di fiori si gonfiano e sembrano capovolti.

È il momento di raccogliere le cime e asciugarle in un luogo buio e fresco con poca umidità. Per evitare che le tue cime si secchino eccessivamente o si ammuffiscano, devi prestare la dovuta attenzione.

Cannabis cultivation

lascia un commento